Italia PIANO B News

Flash Mob Udine, solidarietà alle famiglie con danneggiati e morti da vaccino! Featured

Secondo il ministro Giulia Grillo non esistono morti da vaccino. Questo stando ad una risposta molto accesa data dalla stessa ministra ad una giovane mamma il 30 gennaio scorso a Chieti preoccupata per gli effetti dei vaccini. Nessun fake, nessun falso è tutto vero con tanto di filmato. Il ministro Giulia Grillo le ha dette davvero quelle parole «Io signora conosco bambini morti per il morbillo, bambini morti con il vaccino non li conosco. Lei ne conosce? No. Allora non fate questa disinformazione perché la gente muore per il morbillo, la gente muore per la meningite, non muore per il vaccino, su questa cosa non transigo»

Da queste parole in molte città Italiane tra cui Milano, Verona, Brescia, Bologna,Lecco, Mantova, etc. si stanno susseguendo eventi e flash mob in solidarietà di tante famiglie che hanno visto la loro vita rovinata a seguito di una profilassi vaccinale finita male. Tra questi eventi Domenica 17 Febbraio ha visto Udine come protagonista.

Alle ore 14:30 circa in piazza Matteotti è stato inscenato un piccolo flash mob che ha visto partecipare decine di persone, riunite spontaneamente per questo evento da un messaggio, quello della solidarietà alle famiglie con danneggiati e morti da vaccino, che ha fatto il tam tam delle rete attraverso i social.

Il tutto si è svolto in maniera pacifica e serena tra lo stupore dei passanti che si sono ritrovati a loro insaputa nel mezzo dell’evento.

Flash Mob Udine in solidarietà per le famiglie con danneggiati e morti a causa del vaccino

In Italia vige una legge in vigore fin dal 1992, la legge 25 febbraio 1992, n. 210, recante “Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati”, quindi già di per sé è una evidenza che riteniamo difficile che non sia conosciuta dal Ministro, in secondo luogo L’art. 1, comma 1, della legge 29 ottobre 2005, n. 229, ha previsto la corresponsione di un indennizzo aggiuntivo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, che già beneficiano dell’indennizzo di cui alla legge 25 febbraio 1992, n. 210. Il Ministero della Salute è competente all’erogazione di tale beneficio per i soggetti residenti su tutto il territorio nazionale.

Ma quanti sono i danneggiati da vaccino?
Grazie alla risposta di una interrogazione scritta n. 4-03638 Fascicolo n.94 del 2015 si conosce che alla data del 31 marzo 2015, i beneficiari dell’indennizzo aggiuntivo, in quanto riconosciuti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie, sono 609, mentre vi sono 22 soggetti che ne hanno beneficiato, ma la cui posizione è stata chiusa a seguito di decesso. Vedersi riconosciuto il risarcimento è però diventata una questione molto lunga e difficile, con riconoscimenti confermati anche dopo decine di anni, siamo in Italia e infatti 8.000 cause ancora in corso sempre dai dati dell’interrogazione del 2015.


Ci dispiace molto aver appreso la posizione negazionista della Ministro Giulia Grillo, negando queste povere vittime è come se fossero state uccise una seconda volta!

Segnaliamo due Indagini della Magistratura in corso:
https://vaccinoconsapevole.blogspot.com/2018/11/vaccini-aggiornamento-sulle-indagini.html?m=1

  • la prima alla procura di Torino per Commercio o somministrazione di medicinali guasti art. 443 Cp
  • la seconda alla procura di Roma per art. 443 Cp e delitti colposi contro la saluta pubblica art.452 Cp

Segnaliamo:

Lascia un commento